Curiosità
Sambuco
Sambucus nigra L.
Il sambuco si presenta come un alberello alto dai tre agli otto metri con tronco color grigio-giallastro e rami grossi; le foglie sono ovali e lanceolate e i fiori sono disposti a ombrello a cinque raggi principali e di color bianco-gialliccio. Cresce per lo più nei boschi e nelle brughiere del mare. Le proprietà benefiche del sambuco sono note dai...

Il finocchio
Foenicolum vulgare
Plinio il Vecchio l'ha spesso citata come pianta officinale in grado di rafforzare la vista se assun...Leggi tutto

Acetosa
Rumex acetosa L.
L'acetosa è una pianta coltivata nelle zone continentali temperate, nota già agli Egizi e ai Romani ...Leggi tutto

Piante Medicinali

Le Piante Medicinali

Ai tempi d'oggi si è posta una rinnovata attenzione nei confronti di cure naturali, a partire dalla comunissima camomilla che si rivela un'ottima soluzione per conciliare il sonno agli estratti di tutte quelle piante con effetti benefici per il nostro organismo. Ciò perché, a seguito di attenti studi, si è appurato che le piante hanno effetti curativi non posseduti dalle parti chimicamente ottenute.

Molti sono propensi a stimare i vantaggi delle piante medicinali perché, sebbene a volte esse abbiano effetti meno veloci dei componenti chimici, hanno a loro favore il fatto di riuscire a replicare agli effetti collaterali indotti invece dai farmaci; dunque ad accrescere l'interesse verso tali rimedi naturali è il fatto che la pianta medicinale, il cui uso primario risale a tempi antichissimi, è capace di produrre gli effetti desiderati arrecando meno effetti collaterali.

Si parla di fitoterapia, ossia dell'utilizzo dei rimedi naturali per la cura delle malattie, già ai tempi dei Sumeri intorno al 4000 a.C. sebbene fosse concepita diversamente rispetto ai giorni nostri; irrazionalmente si associava alla forma della pianta il suo effetto curativo, di conseguenza quella a forma di fegato era suggerita per lenire i disturbi del fegato.

Attualmente l'interesse è sempre più crescente in quanto le piante medicinali si dimostrano utili per alleviare tutti quei disturbi dovuti ai colpi di freddo (mal di gola, tosse, bronchite, catarro e quant'altro) oppure legati all'apparato digerente (digestione lenta o pesante, gonfiori addominali, stitichezza).